Expo: ecco l'accordo per arrosticini 100% MADE in Abruzzo

| di Marco Ricci
| Categoria: Varie
STAMPA
Padiglione Abruzzo all'interno dell'Expo

Oltre due arrosticini su tre, stando a una stima di Coldiretti, deriverebbero da carni provenienti dall'estero.

Per tutelare la produzione dell'arrosticino 100% made in Abruzzo' è stato siglato il primo accordo di filiera sulle carni ovine. A sottoscriverlo, stamani, nell'ambito della settimana dedicata all'Abruzzo nel padiglione Coldiretti intitolata #exportiamoabruzzo, sono stati Coldiretti Abruzzo, Associazione produttori zootecnici d'Abruzzo (Aprozoo), commercianti e trasformatori per la valorizzazione dell'allevamento ovino.

Per il direttore di Coldiretti Abruzzo, Alberto Bertinelli, si tratta di un accordo finalizzato a "garantire il consumatore attento, le imprese agricole e le ditte di trasformazione virtuose. Un patto - sottolinea - che salva il consumatore e tutela l'allevatore prevedendo una premialità rispetto alle quotazioni attualmente in vigore della carne".

L'accordo prevede, tra l'altro, una maggiorazione del prezzo riconosciuto all'allevatore dalla ditta di commercio e trasformazione delle carni; la disponibilità delle ditte a partecipare a una rete comune di valorizzazione e commercializzazione dell'arrosticino made in Abruzzo; l'adozione del marchio Fai (Firmato agricoltori italiani) di Coldiretti per migliorare la riconoscibilità del prodotto per il consumatore; lo sforzo comune nella costituzione di un comitato promotore per il riconoscimento dell'arrosticino quale prodotto Dop della nostra regione.

Marco Ricci

Contatti

redazione@ilteramano.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK