Dalla vigilia all’Epifania Nerito di Crognaleto accende il secolare Fuoco di Natale

| di Redazione
| Categoria: Tradizioni
STAMPA

Fotogallery: clicca sulle immagini per ingrandirle

printpreview

A Nerito di Crognaleto, dal 24 dicembre al 6 gennaio, si rinnova la tradizione secolare del “Fuoco di Natale”, antichissimo rito propiziatorio rievocato nella manifestazione dedicata, promossa dalla Proloco di Nerito in collaborazione con il Comune di Crognaleto e il patrocinio di Regione Abruzzo e Consorzio Bim.

Il Fuoco di Natale è una tradizione tramandata da millenni dalle popolazioni montane, che si svolge nella frazione di Nerito al cospetto del Monte Sacro Italico, il Gran Sasso, nel giorno della vigilia di Natale.

“L’accensione del Fuoco di Natale – spiega il sindaco di  Crognaleto, Giuseppe D'Alonzo – è una tradizione secolare del luogo, le cui origini si perdono nella notte dei tempi. Un significativo momento di incontro con l’obiettivo di tramandare questa memoria alle nuove generazioni. Ad accendere il fuoco, la sera del 24 dicembre, sarà Domenico Massimi, l’unico carbonaio rimasto a Nerito”.

“La sera del 24 dicembre – afferma Antonio Filipponi, presidente della Proloco di Nerito - gli abitanti del borgo, grazie ad una raccolta fondi promossa dalla nostra associazione, rievocano la secolare tradizione accatastando nella "Piazza della stella", attorno ad un palo alto circa dieci metri, quasi 100 quintali di legna. Dopo il tramonto si accende il falò che sarà costantemente alimentato fino all'Epifania”.

Difficile sottrarsi all'atmosfera e al fascino di questo intenso momento collettivo che rimanda ad arcaici rituali di purificazione e consacrazione, secondo alcuni riconducibili a riti religiosi di origine preistorica.

La memoria del “rito sacro” del territorio pretuziano trova, infatti, testimonianze nei testi omerici, nelle tavole di Gubbio e nella produzione letteraria di Virgilio.

PROGRAMMA. Il programma della Manifestazione, articolato per tutto il periodo natalizio, prevede la sera del 24 dicembre, alle ore 18, l’accensione del secolare Fuoco di Natale e l’inizio dei festeggiamenti, con arrivo, alle 19, di Babbo Natale  in piazza.   

Il 27 dicembre, dalle 18, esposizione di creazioni artigianali locali dall’arte della lavorazione del ferro, del cuoio e della pietra. Alle ore 19 apertura degli stand gastronomici. Il 29 dicembre, alle ore 21, nella Chiesa dei Ss. Apostoli Pietro e Paolo esibizione del Coro Gospel “The Blue Voices”.

Il 30 dicembre, cena-spettacolo “Cenando.. sotto li lure!”, grande polentata in piazza. Inoltre, durante la giornata del 30 dicembre, in continuità con la collaborazione inaugurata nel corso della manifestazione estiva “Vola-Vola - Tradizione nella modernità 2015” con l’associazione “Ex-plora Nunaat”, l’esperto di montagna Davide Peluzzi illustrerà il progetto umanitario “Visit Nepal to help Nepal”.

“Nell’occasione – concludono Alfredo Quaranta e Domenico Cortellini della Proloco - verrà illustrato il progetto di gemellaggio tra Nerito e alcune popolazioni del Nepal per il mezzo di un itinerario escursionistico che collega idealmente il Gran Sasso d’Italia con l’Himalaya. Finora è già stata realizzata una raccolta fondi che ha portato alla realizzazione di un acquedotto in Nepal”.

Il 6 gennaio, alle ore 10, arriva la Befana, portando doni e carbone per i più piccini. Alle 19 chiusura dei festeggiamenti con spegnimento del Fuoco secolare.

Per info: Proloco di Nerito tel. 335.5158622

Redazione

argomenti

Contatti

redazione@ilteramano.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK