Teramo aderisce al 'Cammino del Perdono'

Sottoscritto un Protocollo d'Intesa per l'organizzazione di una rete religiosa, culturale e turistica

| di Redazione
| Categoria: Territorio
STAMPA

L'Amministrazione Comunale di Teramo intende aderire all'iniziativa proposta dal Consorzio Celestiniano, finalizzata alla condivisione di un Progetto di Turismo Integrato denominato “Il Cammino del Perdono”.

Il Consorzio Celestiniano, è composto da 166 Amministrazioni locali, 14 enti religiosi, 22 Associazioni ed Enti, 9 Cooperative e Consorzi e 69 operatori di società private, che ricadono in territori di spiccata vocazione celestiniana ed hanno in comune un'attività programmata e coordinata al fine di condividere le risorse del territorio.

Allo scopo di dar seguito all’iniziativa, è già stato sottoscritto un Protocollo d'Intesa per l'organizzazione di una rete religiosa, culturale e turistica; l'intento è di realizzare attività collegate con piani di recupero e con la valorizzazione di siti storici ed ambientali ricompresi nell'ampia fascia territoriale di sei regioni dell'Italia centro meridionale e precisamente l'Umbria, l'Abruzzo, il Lazio, il Molise, Puglia e Campania.

Prossimamente il Sindaco, Maurizio Brucchi, provvederà alla sottoscrizione di tale Manifestazione d'Interesse per la condivisione del progetto “Il Cammino del Perdono”. L'adesione impegna il Comune a dare sostegno politico-istituzionale all'iniziativa sul territorio e non comporta alcun onere finanziario.


Il Sindaco Maurizio Brucchi sottolinea i riflessi che potrebbero scaturire dall’iniziativa: “L'Amministrazione Comunale condivide in pieno l'obiettivo, che ha insite spiccate finalità turistiche;  nel territorio teramano operano imprese che, a causa del perdurare della crisi economica, stanno incontrando difficoltà inimmaginabili. Offrire opportunità che prospettano positivi sviluppi, significa contribuire a sostenere i loro sforzi e favorire la ripresa”.

E proprio a questo riguardo, il Vicesindaco Mirella Marchese, rimarca come “l’amministrazione abbia aderito al progetto perché grazie ad esso vengono posti in primo piano valori fondanti della nostra società; valori religiosi che hanno forgiato la nostra cultura e la nostra società e che oggi più che mai vanno affermati con forza, ribaditi e riproposti, in particolare alle giovani generazioni”.

“Individueremo percorsi idonei a sottolineare le finalità del progetto - aggiunge l’assessore alla Cultura Francesca Lucantoni - e a valorizzare le bellezze architettoniche e paesaggistiche del territorio, in sintonia con gli itinerari tracciati dagli altri partner”.

Redazione

argomenti

Contatti

redazione@ilteramano.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK